Cos’è il contributo RAEE?

L’eco-contributo RAEE è un contributo ambientale pagato in anticipo interamente dedicato alla gestione dei Rifiuti derivanti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE è infatti l’acronimo che indica i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).
Il Decreto Legislativo 151 del 2005 obbliga i produttori a gestire questi rifiuti a tutela dell’ambiente e della salute.

Quanto Costa?

Su Storeville.it il costo del contributo RAEE è "incluso" nel prezzo di acquisto.

In generale il costo dello smaltimento "contributo raee" è variabile a seconda della tipologia di elettrodomestico, in base a tutta una serie di fattori, che ne determinano un maggiore o minore costo per il recupero delle materie prime e dei materiali di costruzione da dover rimettere in circuito per il riciclo.
Nel dettaglio vediamo quanto incide il suo costo su ogni singolo apparecchio elettrico ed elettronico.
Per la categoria dei grandi elettrodomestici si aggiungono 16,00 euro per frigorifero e congelatore, scendendo a 5,00 euro per forni, lavatrici, lavastoviglie e stufe. Per i piani cottura ci sono 2,00 euro in più e per gli scaldabagni oltre ai 30 litri la cifra è di € 7,00.
Per i piccoli elettrodomestici e le varie apparecchiature elettroniche, il costo è stato stabilito in base al peso con la seguente suddivisione: per i prodotti fino a 2 kg ci sono 0,25 centesimi, superati i 2 kg e fino al raggiungimento dei 5 kg ci sono 0,25 centesimi, dai 5 ai 10 kg 1 euro, dai 10 ai 30 kg l’aggiunta è di 2 euro, oltre i 30 kg e fino ad un massimo di 60 kg il raee è di 5 euro. Per tutti i prodotti che eccedono i 60 kg la cifra è di € 12,00.
Il settore video con interesse per i Tv e l’Audiovideo si aggiungono 0,50 centesimi per videocamere, dvd, videoregistratori, hi-fi, amplificatori e fotocamere. Per i televisori fino a 32 pollici € 3,50 mentre saliamo a € 7,00 per gli schermi più grandi dei 32 pollici.
Infine per quanto riguarda l’illuminazione i costi sono di 0,14 centesimi per gli apparecchi di illuminazione e di 0,26 centesimi per le lampadine a scarica.

Differenze di contributo tra diverse tipologie di elettrodomestici

Gli importi degli Eco-contributi RAEE più alti si registrano nella categoria dei “Grandi Elettrodomestici”.
I vecchi frigoriferi e congelatori – prodotti più pesanti e ingombranti e dunque più costosi da trasportare e da trattare – contengono al loro interno gas, come HCFC (Idroclorofluorocarburi) e CFC (clorofluorocarburi), pericolosi per lo strato di ozono, e richiedono processi più articolati per garantire il riciclo nella massima tutela dell’ambiente.
Frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici e piani cottura rappresentano inoltre una fonte preziosa di materiali come rame, ferro e alluminio che è opportuno recuperare per il successivo riutilizzo nella produzione di nuovi apparecchi.
Per la categoria dei prodotti “Tv e Audiovideo” gli importi degli Eco-contributi sono di dimensioni ridotte per i prodotti di elettronica di consumo dalle piccole-medie dimensioni mentre aumentano sensibilmente per i televisori. In questo caso, a prescindere dalla tipologia – schermo piatto o tubo catodico – è spesso necessario un disassemblaggio manuale che integra le procedure meccaniche adottate negli impianti di trattamento.
Soprattutto per i vecchi televisori con tubo catodico, prima di triturare e riciclare le componenti plastiche che lo compongono, è richiesta una cura particolare per lo smaltimento delle polveri fluorescenti e il recupero dei vetri del tubo catodico contenenti residui di piombo.
Gli importi per la categoria dei prodotti “Piccoli Elettrodomestici ed Apparecchiature varie” si differenziano a seconda della dimensione e del peso dell’apparecchio che dovrà essere smaltito.
Questa categoria raggruppa al proprio interno un universo molto ampio di prodotti, composti da materiali diversi tra loro. Il processo di riciclo consentirà di recuperare i materiali metallici, quali rame, alluminio e ferro, e le plastiche di cui sono composti la maggior parte dei prodotti che rientrano in questa macrocategoria.
Le lampade a risparmio di energia e gli apparecchi illuminanti rappresentano la gamma di prodotti con il valore dell’Eco-contributo RAEE più basso. Un valore ridotto ma molto importante, che permette di finanziare il recupero dei materiali plastici e metallici degli apparecchi di illuminazione e, soprattutto, di smaltire con cura le polveri fluorescenti e il mercurio presenti nelle moderne lampade a risparmio di energia.
Per questa categoria di prodotto, infatti, le tecnologie a disposizione consentono di riciclare quasi il 99% dei materiali, recuperando la totale quantità di vetro e i residui metallici di cui sono composti.

Il contributo SIAE

La Legge sul diritto d'autore, (n. 633/1941), stabilisce (art. 181 bis) che su ogni supporto contenente programmi per elaboratore o multimediali nonché su ogni supporto (CD, cassette audio e video, CD Rom, DVD, ecc.) contenente suoni, voci o immagini in movimento che reca la fissazione di opere o di parti di opere protette dalla legge sul diritto d'autore destinati al commercio o che vengano ceduti in uso a qualunque titolo a fine di lucro deve essere apposto un contrassegno.
Il compito di applicare il contrassegno, cioè di "vidimare" i supporti è affidato alla SIAE. Le modalità di rilascio e di utilizzo del contrassegno sono regolamentate dal DPCM 23 febbraio 2009, n.31 (GU n.80 del 6 aprile 2009).

Che cos’è il contrassegno e qual è la sua funzione?

Il contrassegno SIAE è uno strumento di autenticazione e di garanzia, ad uso sia delle Forze dell’Ordine che del consumatore, che può così distinguere il prodotto legittimo da quello pirata, e permette di individuare chi lo produce o commercializza.
Com’è fatto e dove si può ottenere.
Nel corso degli anni la SIAE ha costantemente aggiornato le tecniche per contrastare i tentativi di falsificazione del contrassegno, indicato più comunemente come "bollino SIAE". Il bollino, viene attualmente rilasciato da tutte le Sedi regionali SIAE

A quali prodotti è applicato?

Quindi, in conclusione, il bollino SIAE va applicato sempre, ed in particolare:

  • nei DVD Video
  • nei CD Audio anche se contenenti musica auto-prodotta o di pubblico dominio
  • nei CD Rom se sono presenti musiche anche se auto-prodotte o di pubblico dominio
  • nei CD Rom se sono presenti video o immagini o testi anche se auto-prodotti
  • nei CD Rom se vengono distribuiti in vendita al pubblico
  • nei CD Rom che contengono opere protette da copyright (quadri, fotografie, ecc...)

Costi

Su Storeville il costo del contributo SIAEè incluso nel prezzo.

In linea generale il bollino SIAE per i CD-Rom ha un costo medio di Euro 0,02 + iva (0,0181 gratuito, 0,0310 pagamento) se il disco ha contenuti multimediali prodotti in proprio (non tutelati SIAE) e quindi non soggetti ad oneri per diritto d'autore.